venerdì 7 giugno 2013



Lunedì 17 giugno alle 10,00 ci sarà l'incontro "Musicoccole: musica e voce per un dolce contatto con il proprio bambino", con Maria Teresa Nardi, musicologa. Il laboratorio prevede un massimo di 10 iscrizioni per bimbi da 0 a 18 mesi accompagnati dal genitore. E' richiesta la prenotazione entro le 12,00 di venerdì 14 giugno.
 
COCCOLE SONORE
Le mamme sono invitate a recitare filastrocche, cantare canzoncine e ninna nanne,  materiale canoro che appartiene alla tradizione popolare, dai contenuti che nutrono la relazione e rimandano al gioco,  che si consuma sul corpo del bimbo e con il bimbo, poiché lo celebra e lo canta. Il genitore così canta per il piccolo e con il canto gioca con lui,  si dona al figlio con la voce, il corpo, i gesti carichi di affetto, il volto dai tratti distesi, che lasciano trasparire emozioni positive condivise.  I piccoli, durante l’atto canoro, sperimentano la mamma  in un contesto giocoso, di piacere, libertà e disponibilità, che si prende cura di loro anche attraverso questo naturale “strumento ludico-musicale”. Il canto della mamma diventa così una coccola, una carezza per la pelle e il cuore, che permette di esplorare nuove maniere di “stare ed essere con il bimbo”, lontano da pratiche di accudimento domestico quotidiano. 
Perché  COCCOLE SONORE …
·        perché il neonato ha un’innata predisposizione verso la musica, poiché durante la gravidanza ha vissuto un’intesa attività uditiva, grazie alla quale è maturata la sua capacità percettiva;
·        perché il neonato possa essere adeguatamente stimolato dalla voce materna, che lo avvicina al mondo sonoro e lo accompagna all’apprendimento del linguaggio;
·        per facilitare e rafforzare le interazioni positive fra mamma/bambino: si tratta di un percorso originale e utile per tutte le mamme che cercano forme e modi per stabilire con il bambino piccolo un rapporto comunicativo profondo;
·        per valorizzare e favorire il contatto vocale, oculare e tattile entro il quale la mamma diventa il principale stimolatore, ma a sua volta oggetto dello stimolo, in quanto partecipe attiva dei  giochi, primi strumenti fondamentali per incontrare il bebè.
·        per aiutare la mamma a prendersi cura del bambino non solo soddisfando i bisogni primari, ma attivandosi per entrare in relazione profonda con il piccolo,  offrendogli piccoli e brevi giochi sonoro-musicali;
·        per informare le madri sulla ricchezza della relazione sonora che si dipana all’interno della diade: come sostenerla, arricchirla e svilupparla. Sperimentare che la canzone è <<oggetto mediatore>> fra adulto e bambino, è spazio contenitivo di affetti profondi che legano genitore e figlio e che favorisce l’incontro con l’altro.
Tra una canzoncina e l’altra, tante chiacchiere su 
       Le competenze uditive del neonato fra pre e post natale
       Modalità comunicative del neonato nei primi mesi di vita
       I giochi vocalici tra mamma e bambino
       Il madarese:il linguaggio della mamma per il suo bambino.
       Il linguaggio e il gioco paterno. Le canzoni del papà.
       Ninna-nanna, filastrocche e canzoncine: importanza del gioco sonoro-musicale nella relazione genitori-figli. 
L’incontro sarà animato dalla Dott.ssa Maria Teresa Nardi, musicologa e musicoterapeuta, titolare della Libreria Popolare di Besana Brianza, via Vittorio Emanuele II, 24.
La libreria è quasi interamente dedicata ai bambini, con libri e giochi didatti per lo più in legno; il punto vendita è riconosciuto come libreria amica dei bambini e delle bambine da Nati per leggere e Nati per la musica.